Lista dei migliori Bookmakers Inglesi

Chi scommette di professione sa che se non fosse stato per i bookmakers inglesi, il betting in Italia non sarebbe mai arrivato. Il Regno Unito è il posto dove è iniziato tutto e chi l’avrebbe mai detto che questo nuovo mercato oggi vale più di un miliardo di euro SOLO in Italia, in Europa si pensa che il valore di questo mercato si aggiri sui 100 miliardi di euro.

Sono passati più di 30 anni dal lancio del primo sito internet per scommettere online (tra l’altro da un bookmakers inglese) e l’offerta con cui ci si ritrova è sconvolgente. Il numero dei bookmakers online in Italia è salito incredibilmente negli ultimi due decenni. Ai bookmakers tradizionali italiani come SNAI o Better Lottomatica, si aggiungono dal 2010 grazie alla licenza AAMS continuamente anche bookmakers stranieri ma soprattutto hanno iniziato a operare legalmente nel nostro paese anche i colossi inglesi come William Hill, Betfair o Paddy Power.

 

Classifica dei migliori bookmakers inglesi

  1. 888sport, miglior bookmaker inglese
    Bonus benvenuto del 100% fino a 100€. Codice promo: ITALIA
  2. Betfair, bookie inglese con le quote maggiorate
    Miglior sito per le quote maggiorate
    Codice promo: ZIT200
  3. William Hill, bookie inglese internazionale
    Miglior bookmaker europeo
    Codice promo: ITA100

I siti elencati sono tutti in lingua italiana e in possesso della licenza AAMS che permette di operare legalmente nel territorio italiano.


Bookmakers inglesi – la loro storia

Non a caso i bookmakers inglesi sono riconosciuti come i migliori al mondo. Dietro loro c’è una grande storia, le prime forme di betting risalgono addirittura al medioevo. Si pensa che era abitudine scommettere sull’esito delle guerre. I primi dati ufficiali si hanno dal 1790. In quel anno, un inglese di nome Harry Ogden apre la prima agenzia di scommesse sui cavalli. Harry analizzava ogni cavallo in gara e stabiliva le sue probabilità di vincita, come si direbbe oggi la quota sul cavallo. Da questa idea nasce il concetto del “bookmaker”, ovvero una persona o un’agenzia che offre quote prestabilite su un evento, accetta scommesse e prevede al pagamento considerando l’importo e la quota, se la scommessa risultasse vincente. Passano pochi decenni che in Inghilterra si inizia a scommettere anche su altri sport come il calcio. Nel 1960 è l’anno che ha significato il cambiamento più grande nel mondo del Betting. Il governo inglese legalizza le agenzie di scommesse nel Regno Unito con una nuova legge che da ufficialmente inizio all’espansione di questo nuovo mondo a tante persone ancora sconosciuto.

Nel 1996 viene aperto il primo bookmaker online, Intertops infatti è il primo sportsbook a proporre le scommesse online nel Regno Unito. Da li in poi i bookmakers diventano attivi anche online e il giro di soldi aumenta drasticamente.

Le quote dei bookmakers inglesi

Riguardo al tema delle quote dei bookmakers inglesi ci sentiamo in dovere di sfatare un mito. In Italia le quote dei bookmakers inglesi non sono più alte come si sente in giro sul web. Il motivo è molto semplice: ogni operatore legale in Italia (anche uno inglese) deve pagare le tasse. Questo è il motivo per il quale sui bookmakers stranieri (senza licenza aams) si trovano quote molto più alte: semplicemente perché mancano i contributi statali.

Confronto quote - bookmaker inglese vs bookmaker italiano